Siria: bombe su sette cliniche di Aleppo

Clashes near AleppoSette ospedali e una banca del sangue sono stati colpiti domenica da raid aerei russi o governativi siriani e sono stati parzialmente distrutti nel nord della Siria e a est della capitale Damasco, dove già nei mesi scorsi le aviazioni di Damasco e di Mosca avevano bombardato cliniche mediche e dove insorti avevano colpito un ospedale con l’artiglieria. Le fonti non hanno ancora fornito un bilancio preciso delle vittime ma si parla di “decine” di morti, tra cui “un neonato”. Ma le informazioni non possono essere verificate in maniera indipendente. L’ANSA ha interpellato telefonicamente fonti mediche che operano nel nord della Siria e nella regione di Damasco. Le fonti hanno precisato che ad Aleppo orientale, la zona controllata dagli insorti anti-regime e da due settimane completamente assediata dalle forze governative, sono stati colpiti gli ospedali Bayan, Hakim, Daqmaq e Zahra, oltre a una banca del sangue nel quartiere Shaar. Continue reading

Ricetta: fattoush (Libano, Siria; Giordania, Egitto)

Fattoush-insalata-libanese-ricetta-parliamo-di-cucinaFATTOUSH: insalata di pane inumidito

Il Fattoush è una ricetta il cui nome in arabo letteralmente significa “pane inumidito”. Si tratta di un’insalata tipica di origine libanese che è però presente sulle tavole di tutto il Medio Oriente, dalla Siria alla Giordania, all’Egitto. Il Fattoush si prepara con pezzetti di pane fritto o al forno e un misto di verdure fresche, secondo la stagione. In inverno si aggiungono anche chicchi di melagrana. Molto gustoso e saporito, il Fattoush è ottimo anche per riciclare il pane avanzato, anche di altri tipi: in questo caso, riducetelo a dadini, poi procedete come indicato.

INGREDIENTI: pane arabo piatto – cetrioli – cipolla rossa – cuori di lattuga romana – succo di limone – un ciuffo di prezzemolo – un ciuffo di menta – pomodoro – sale – pepe – sumac Continue reading

Assad: l’azione del Regno Unito diffonderà il cancro Isis

Isis: Assad, azione Gb diffonderà 'cancro' terroreL’intervento “illegale” del Regno Unito in Siria contro l’Isis servirà solo a diffondere il “cancro” del terrorismo: lo ha detto il presidente siriano Bashar al Assad nel corso di un’intervista al Sunday Times. Assad accusa inoltre Londra di esportare gli estremisti nel suo Paese e afferma che l’Europa – non la Siria – è diventata l’incubatore del terrorismo che adesso minaccia l’Occidente con le cellule dormienti pronte ad attaccare. “Anzitutto direi che (le operazioni britanniche in Siria) non daranno alcun risultato – ha detto il presidente siriano -. Secondo (l’intervento) sarà dannoso e illegale e darà sostegno al terrorismo, come è successo dopo che la coalizione ha cominciato le sue operazioni circa un anno fa, perchè questo è come un cancro. Non si può tagliare il cancro. Bisogna estrarlo. Questo tipo di operazione è come tagliare il cancro e lo farà diffondere nel corpo ancora più velocemente”.

Fonte: www.ansa.it

Pioggia di volantini Usa a Raqqa: “libertà in arrivo”

Volantini anti IsisLa coalizione anti-Isis capeggiata dagli Usa ha ‘bombardato’ la capitale dell’auto dichiarato Stato Islamico, Raqqa, in Siria, con una pioggia di volantini in cui è stato scritto il messaggio “la libertà è in arrivo”. Lo riportano sia attivisti con base a Raqqa sia L’osservatorio siriano per i diritti umani (Ondus) di Londra. I volantini riportano anche il disegno di jihadisti morti e della loro bandiera capovolta; quattro combattenti della milizia curda, o YPG, compaiono poi nell’immagine di una strada e nella didascalia, in arabo, si possono leggere le parole “la libertà è in arrivo”. L’organizzazione chiamata ‘Raqqa is Being Slaughtered Silently’ (Il silenzioso massacro di Raqqa) ha pubblicato uno dei presunti volantini sul suo account Twitter. Al momento non si ha notizia di una reazione da parte dello Stato Islamico.

Fonte: www.ansa.it

Esplosioni in ospedale in Siria, almeno 25 morti, anche bimbi

Unrest in DamascusUna, due, tre esplosioni. Poi l’incendio e le fiamme che devastano l’ospedale, avvolgono medici e pazienti, uccidono almeno 25 persone, in gran parte bambini portati dai genitori nella clinica di Qamishli (città nel nord-est della Siria abitata soprattutto da curdi) per essere vaccinati contro la poliomielite. Il disastro, di cui hanno dato notizia sia la tv di stato che gli attivisti dell’opposizione, ha anche provocato più di 30 feriti di cui molti sono in gravissime condizioni. Nella clinica in quel momento c’erano moltissimi bambini che dovevano essere vaccinati, ha riferito Juan Mohammed, funzionario curdo della vicina città di Hassakeh. Le cause del devastante incendio non sono state completamente chiarite, ma Mohammed ha detto che sembra che l’esplosione di una bombola del gas abbia fatto deflagrare una o più bombole d’ossigeno. L’incendio che ne è seguito ha fatto poi saltare in aria una cisterna piena di carburante. Continue reading

Al Nusra: sfidiamo Damasco,non l’Occidente

Palestinian fighters are seen walking at Palestine Camp near DamascusIl leader del Fronte al Nusra, organizzazione jihadista siriana legata ad Al Qaida, ha affermato oggi che il suo intento e’ solo combattere il regime siriano, e non di organizzare attentati in Occidente. In un’intervista alla televisione panaraba Al Jazira, Abu Mohammed al Golani ha detto anche di considerare l’Isis come “una minaccia”. Tuttavia, ha aggiunto, Al Nusra si riserva il diritto di compiere azioni violente contro gli Usa se i jet continueranno a bombardare le sue milizie. Al Golani ha detto che l’Occidente sostiene il presidente siriano Bashar al Assad. “Bombardano noi perché sanno che rappresentiamo la vera minaccia al regime di Assad”, ha fermato il capo di Al Nusra. Nei suoi raid, cominciati nel settembre dello scorso anno, la Coalizione internazionale prende di mira non solo le roccaforti dello Stato islamico nelle province settentrionali e orientali del Paese, ma anche quelle di Al Nusra nel Nord-Ovest. “Siamo qui per compiere una sola missione, quella di combattere il regime e i suoi agenti sul terreno, compreso Hezbollah”, ha detto Al Golani, riferendosi alle milizie sciite libanesi filo-iraniane che combattono al fianco delle forze di Damasco. “Al Nusra – ha aggiunto – non ha alcun piano o direttiva per prendere di mira l’Occidente. Abbiamo ricevuto ordini precisi di non usare la Siria come base di lancio per un attacco agli Usa o all’Europa, al fine di non ledere la nostra vera missione contro il regime. Forse al Qaida lo fa, ma non qui in Siria”.

Fonte: www.ansa.it

Preghiere in Siria e Iraq per i 200 cristiani rapiti dall’Isil

download (2)Preghiera collettiva, vicino Damasco, in Siria, per la sorte dei 200 cristiani assiri rapiti dall’Isil a Nasaka. L’azione dei miliziani ha riguardato diverse località del nord della Siria, dove sarebbero stati compiuti veri e propri rastrellamenti e azioni di pulizia etnica. Si tratta dell’ennesima iniziativa contro le minoranze religiose presenti da secoli in Siria, Iraq e Turchia. Si prega anche a Kirkuk, nel Kurdistan iracheno, dove vivono numerosi cristiani assiri, in gran parte in fuga da Mosul. Continue reading

Siria: nel 2014 ammontano a 160 i bambini uccisi a scuola

Child refugees from Syria perform playL’Unicef ha reso noto che lo scorso anno in Siria sono stati 160 i bambini uccisi in attacchi alle scuole e 343 quelli rimasti feriti. Christophe Boulierac portavoce dell’agenzia dell’Onu ha precisato che 68 edifici scolastici sono stati presi di mira nel corso della sanguinosa guerra civile in corso nel Paese mediorientale, mentre si stima che siano circa 1 milione e 600mila i bambini costretti ad abbandonare gli studi a causa del conflitto: che ha causato più di 200mila morti. Fonte: www.ansa.it

Siria: razzi su Aleppo

Syria armed conflictE’ di almeno 19 uccisi, tra cui donne e bambini, il bilancio di bombardamenti di artiglieria compiuti nelle ultime ore da miliziani delle opposizioni siriane ad Aleppo, lo riferisce l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus). Secondo l’ong, tra le vittime figurano 5 minori e almeno una madre, colpiti da razzi improvvisati sparati da miliziani della parte orientale della città contro i quartieri occidentali controllati dalle truppe lealiste. I feriti sono oltre 30. Fonte: www.ansa.it

La Siria rivendica l’abbattimento di un drone israeliano

50th International Paris Air ShowLe forze siriane hanno rivendicato l’abbattimento nelle scorse ore di un drone israeliano nella zona di Quneitra, a ridosso del confine fra la Siria e il Golan occupato da Israele. Lo riportano Ynet e altri siti israeliani, citando media siriani e libanesi secondo i quali il drone sarebbe stato colpito mentre era in volo sul villaggio druso di Hadar, una roccaforte del presidente Bashar al-Assad. No comment dell’esercito dello Stato ebraico, che si limita a dire come al momento “non risultino perdite” di velivoli senza pilota. Fonte: www.ansa.it